Finanza Agevolata

Il numero di donne che vogliono creare una loro impresa è in continuo aumento. Sono previsti finanziamenti per tutte coloro che lavorino nei seguenti settori: artigianato, agricoltura, industria, turismo e commercio. Ovviamente non tutte le figure femminili possono ottenere le agevolazioni, ma solamente quelle che prestano un progetto: ad esempio le ditte gestite da donne, le società che sono formate da donne per almeno il 60% del personale e tutte le società con capitali che siano in possesso di donne per almeno 2/3.

Inoltre, solo un determinato numero di aziende che risponde ai requisiti indicati sopr’anzi può presentare il progetto, e cioè: imprese con meno di 50 dipendenti, il fatturato non deve superare i 5 milioni di euro l’anno e lo stato patrimoniale non dev’essere superiore ai 2 milioni di euro.  Per quanto riguarda la forma prettamente giuridica, tali imprese possono essere composte come: società semplici, società a responsabilità limitata, società in nome collettivo, società cooperativa, società in accomandita per azioni e società per azioni, o più comunemente “S.p.A.”. Passiamo ora alle agevolazioni.

Finanziamenti e Agevolazioni per le Imprese Femminili

Dunque, nel caso ci fosse una nuova impresa, oppure l’acquisto di un’impresa già esistente, si può richiedere l’aiuto economico di credito d’imposta, finanziamento agevolato e contributo a fondo perduto. Ovviamente le agevolazioni non sono uguali per tutte le zone, ma si differenziano in base al luogo in cui è situata l’impresa.

Tutte le donne che decidono di crearsi una loro attività, possono presentare la richiesta di finanziamento e sfruttare la regola “de minimis”, un particolare progetto che garantisce un finanziamento di 100.000 euro in tre anni, con un’agevolazione del 60% per quel che riguarda le aree svantaggiate, mentre del 50% per le aree non svantaggiate.Ricordiamo che nel caso in cui, durante il triennio, l’importo superi i 100.000 euro, i benefici non supereranno i limiti massimo che l’Unione Europea ha stabilito.

Come ottenere le agevolazioni? E’ molto semplice, tutte le domande devono essere presentate entro la data prevista, ovvero quella segnata dal bando. Oltre alla domanda bisogna allegare: modulo di richiesta per l’agevolazione, seguito dai dati e programma di investimento dell’impresa; una scheda con l’iniziativa scelta e la documentazione per la disponibilità dell’immobile. Nel caso il finanziamento richiesto per le imprese femminili venisse accettato, verrà erogato in due rate differenti: la prima sarà disponibile dal 30esimo giorno dopo la pubblicazione; la seconda sarà disponibile dopo 6 mesi dalla pubblicazione per tutti i progetti inferiori ai 12 mesi, oppure dopo 12 mesi in caso di progetti che durino più di 12 mensilità.

  • Fondo PerdutoFinanziamenti a Fondo Perduto per Imprese A differenza di altri tipi di prestiti il finanziamento a fondo perduto gode di una particolare caratteristica molto accattivante: il denaro ricevuto non deve essere restituito così come non è previsto restituire alcun tipo di saggio di interesse. Tale tipo di agevolazione risulta quindi particolarmente ambito dalla popolazione, e per […]
  • Agevolazioni Imprese e Contributi a Fondo Perduto per Investimenti Aiuti sotto forma di finanziamenti e contributi per le imprese vengono promossi sia a livello comunitario che nazionale che locale. In ambito comunitario la Bei ha intenzione di sovvenzionare aiuti a piccole e medie imprese italiane per mezzo di banche italiane, disporre finanziamenti specifici per regioni svantaggiate e concedere […]
  • Nuove Imprese, ecco i Finanziamenti a Fondo PerdutoNuove Imprese, ecco i Finanziamenti a Fondo Perduto Gli imprenditori, sia piccoli che grandi sono in grande crisi, soprattutto per le molte tasse da pagare. Per avviare una nuova impresa, si ha bisogno di denaro e di finanziamenti. Ora però, i giovani possono aprire una società semplificata srl, senza alcuna spesa di notaio e con soltanto un euro. Certo, questa nuova norma ha causato […]
aaaaa
aaaaa
5 / 5 stars